Post più vecchio Post più recente

Maiali pro-prostituzione e «femministe» alquanto confuse

 


di Maria Rossi


Il Fatto Quotidiano ha pubblicato un articolo dal titolo piuttosto scioccante: Il corpo di una donna si può vendere, cui si affiancano le parole: Per scelta.

Osservo anzitutto che ad essere oggetto di compravendita, di alienazione, di espropriazione è solo ed esclusivamente il corpo di una donna, non quello di un uomo; corpo che non si può scindere dalla persona, indipendentemente da quel che ne pensava Decartes. Non si comprende neppure, leggendo il titolo, chi possa attuare la vendita, giacché il verbo impersonale priva la transazione di un soggetto che la realizzi, o meglio, rende gli estranei (i magnaccia?) in grado di compierla. Ne deriva un'estremizzazione del processo di reificazione della donna: mero corpo-oggetto che chiunque (gli sfruttatori della prostituzione?) può immettere sul mercato ...per scelta. Questo è il significato letterale del titolo. Non so se la persona che l'ha scelto se ne sia resa conto. Vorrei però ricordare che circa il 90% delle donne esercita la prostituzione sotto il controllo di una rete di prosseneti che sfrutta e vende, appunto, i loro corpi ai clienti.

L'articolo che sto commentando contesta le politiche francesi che mirano all'abolizione della prostituzione, demonizzando le presunte ispiratrici MacKinnon e Dworkin (in realtà sono miriadi le femministe che condividono queste idee e se proprio dovessi individuare la fonte originaria delle riflessioni sulla prostituzione come istituzione patriarcale la ricercherei nel pensiero di Kate Millet), tacciando le femministe abolizioniste di neoliberismo, di neocolonialismo, di collusione con la borghesia, di paternalismo poliziesco, di conservatorismo e via insultando.

Come numi tutelari, l'autrice dell'articolo, che si definisce femminista, invoca Marcela Iacub, Élisabeth Badinter e persino i famosi 343 autoproclamatisi porci (salauds) (in realtà sono solo 17), firmatari di un manifesto pro mercificazione del corpo altrui, contestato persino dalle iscritte al sindacato delle prostitute: lo STRASS e intitolato Touche pas à ma pute (Giù le mani dalla mia puttana).

Vorrei osservare come il movimento abolizionista in Francia sia in realtà sostenuto dal Partito Socialista e dal Front de Gauche (Federazione del Partito Comunista e del Partito della Sinistra), dagli studenti, soprattutto socialisti e comunisti, universitari e delle scuole superiori, (secondo un sondaggio, il 73% dei ragazzi e delle ragazze francesi è favorevole all'abolizione della prostituzione) e, ovviamente, da femministe di tutte le correnti, inclusa quella anarchica. Alcune di loro si proclamano con orgoglio rivoluzionarie (Penso, per citare un solo esempio, a Les efFRONTé-e-s, la cui segretaria generale è Fatima-Ezzahra Benomar, nata a Rabat, in Marocco). Altro che neocolonialismo, conservatorismo e collusione con il capitalismo e la borghesia!

Chi sono invece le divinità protettrici evocate dall'autrice dell'articolo in questione?

La giurista Marcela Iacub ha difeso appassionatamente dall'accusa di stupro l'ex direttore del Fondo Monetario Internazionale Dominique Strauss-Kahn, con il quale ha intrecciato una tormentata relazione, narrata, dopo la conclusione, in un libro poco gradito all'interessato, da lei definito, per altro, mezzo uomo e mezzo maiale (mi-homme mi-cochon). Iacub è un'accesissima antifemminista. Le è stata affidata una rubrica sul mensile erotico e misogino Lui, una commistione tra Paris Match e Playboy, fondato nel 1963, chiuso negli anni Ottanta e riaperto a settembre da Frédéric Beigbeder, uno dei firmatari del manifesto dei maiali (Touche pas à ma pute). Sul primo numero del mensile, Iacub si inalbera contro la legge che consente alle donne di ottenere il riconoscimento di paternità dei figli. Anziché accettare tranquillamente di restare madri single, femmine scellerate, infatti, pretendono che i compagni si assumano le proprie responsabilità, anche quando sono stati incastrati, ossia, quando sono stati vittime di uno stupro o di un furto di seme. Sì, perché nell'allucinato mondo horror di Marcela Iacub le perfide e diaboliche donne stuprano regolarmente gli uomini e recuperano persino i loro preservativi usati allo scopo di auto inseminarsi con lo sperma dello sfortunato proprietario (s’inséminer avec le liquide du malheureux propriétaire).Un maldestro tentativo di imitare l'ermafroditismo delle lumache? Mah!. Agli uomini non resta quindi che accogliere il caloroso invito di Iacub a farsi sterilizzare o a depositare il proprio sperma nelle banche del seme, per evitare di diventare padri a propria insaputa. Insomma, nell'universo visionario della nostra giurista gli uomini non intervengono mai nella riproduzione, non ne sono minimamente coinvolti. Non ci sono proprio o, se ci sono, vengono stuprati o dormono, nel senso che lasciano improvvidamente incustoditi, alla mercé di mefistofeliche e luciferine femmine, i preziosi contenitori di materiale inseminante (i profilattici usati).

Quanto ad Élisabeth Badinter, soltanto in Italia la ricca ereditiera viene gratificata del titolo di femminista. In Francia le militanti del movimento delle donne le assegnano il posto d'onore tra le compagne di strada dei maschilisti. Aspre critiche riceve anche dalle femministe canadesi ed inglesi. Nel nostro Paese, invece, è apprezzata in ugual misura, in uno stranissimo connubio, da femministe (per le sue posizioni sulla maternità) e da infervorati antifemministi, che sui loro siti pubblicano compiaciuti le sue interviste e stralci del libro La strada degli errori. Alla signora Bleunstein-Blanchet (Badinter è il cognome del marito) si possono tranquillamente attribuire tutti gli epiteti che l'autrice dell'articolo che sto commentando rivolge, a mo' di invettiva, alle femministe abolizioniste, a partire da quello di neocolonialista, nella singolare accezione in cui lo intende la nostra blogger, che indirizza l'insulto a chi in Francia si è dichiarato contrario a consentire alle donne di indossare il velo nei luoghi pubblici. Non solo Badinter sostiene questa posizione, ma esorta pure calorosamente le mussulmane che dimorano in Francia e si ostinano ad indossarlo ad emigrare in Afghanistan o in Arabia Saudita!

A Badinter si possono soprattutto indirizzare le accuse di collusione con la borghesia e con il capitalismo neoliberista rivolte dalla nostra blogger alle femministe abolizioniste. Mi correggo! La signora Badinter non è complice, ma prestigiosa esponente del club dei più facoltosi capitalisti francesi. Dal padre ha ereditato, infatti, la multinazionale Publicis, la terza agenzia pubblicitaria del mondo, che nel 2012 ha realizzato un fatturato di sei miliardi e seicento dieci milioni di euro.  La signora, che è azionista di riferimento e presidente del consiglio di sorveglianza della società, ha incassato l'anno scorso 1,4 miliardi di dollari. Non proprio un'anticapitalista, un'indignata o un'occupy Paris, come potete constatare!

La pubblicità, come sappiamo, concorre a perpetuare la divisione dei ruoli, il sessismo e l'oggettivazione del corpo delle donne. Non desta alcuno stupore, quindi, la posizione favorevole alla prostituzione e l'assenza di impegno antisessista di Badinter.  Persino la sua, pur legittima, scarsa simpatia per le madri e alcune sue posizioni, come quella contro l'allattamento al seno, lasciano palesare l'esistenza di un gigantesco conflitto di interessi. Uno dei migliori clienti della Publicis è, infatti, la Nestlé, produttrice di latte in polvere, che ha stipulato con la multinazionale della pubblicità contratti del valore di centinaia di milioni di euro. Del resto, alla giornalista di Le Monde che le chiedeva nel 2010 come fosse maturata in lei l'idea di scrivere il libro Le conflit: la femme et la mère, tradotto in italiano con il titolo di Mamme cattivissime, Élisabeth Badinter rispondeva così: La decisione di scrivere questo libro mi è venuta ascoltando una notizia alla radio nel 1998. Il Ministro della Sanità dell'epoca: Bernard Kouchner aveva appena firmato un decreto che, in conformità con le direttive europee, vietava la pubblicità del latte in polvere e l'offerta di campioni gratuiti nei reparti di maternità degli ospedali pubblici. Ciò significava che le donne che non volevano allattare dovevano pagare il latte in polvere, un'intollerabile ingiustizia per chi ricava profitti milionari dagli spot per la Nestlé.

E veniamo ai 343 autoproclamatisi maiali, sottoscrittori del manifesto Touche pas à ma pute (Giù le mani dalla mia puttana). In realtà, i firmatari dell'appello, che reclama il diritto di vendere liberamente i corpi altrui e si inalbera contro la pretesa dei deputati di normare il godimento e i desideri degli uomini, sono soltanto 17. Inizialmente erano 18, ma il comico Nicolas Bedos ha immediatamente ritrattato, sentendosi poco onorato dal vedere il proprio nome accostato a quello di personaggi che non considera esattamente i propri maîtres à penser. 343 è un numero simbolico che richiama quello delle 343 francesi, prima delle quali Simone de Beauvoir, che nel 1971 sottoscrissero un manifesto che richiedeva la depenalizzazione dell'aborto.

Chi sono invece i firmatari dell'appello Touche pas à ma pute? Alcuni sono famosi. Vediamo di conoscerli.

Il primo è Frédéric Beigbeder, scrittore e polemista che dirige dal settembre 2013 il mensile porno soft Lui consacrato ai macho, agli eterosessuali figli di puttana (connards), che scopano come ricci, secondo la definizione che ne dà nel suo editoriale.  (Chiedo scusa per i francesismi che lo stesso Beigbeder impiega). Ospite fissa del mensile sarà Marcela Iacub.

Richard Malka è l'avvocato di Dominique Strauss-Kahn, l'ex direttore del Fondo Monetario Internazionale, costretto a dimettersi dalla carica perché accusato di stupro dalla cameriera dell'hotel di New York ove alloggiava. Incolpato di molestie sessuali da una giornalista francese e da una italiana: Myrta Merlino, Strauss-Kahn è stato anche indagato per sfruttamento della prostituzione. Nei messaggi che inviava a Fabrice Paszkowski, il dirigente di una società di apparecchiature sanitarie di Lille, che secondo gli inquirenti avrebbe organizzato e finanziato le costose trasferte di gruppi di escort presso gli hotel ove alloggiava, compare l'espressione portatemi il materiale su in camera, con la quale l'uomo di potere indicava le ragazze che si prostituivano.

Il polemista Ivan Rioufol è un deciso antifemminista. Giornalista del quotidiano di destra Le Figaro, ha scritto un saggio sull"urgenza di essere reazionario" (r-e-a-z-i-o-n-a-r-i-o, non conservatore, vocabolo ritenuto evidentemente troppo moderato e di sinistra!)

Eric Zemmour è uno scrittore e un cronista politico francese, redattore de Le Figaro. Si proclama di destra e reazionario. Notissimo maschilista, ha pubblicato nel 2006 Le Premier Sexe (Il primo sesso), saggio su quella che egli considera la femminilizzazione della società. Vi si parla della cosiddetta castrazione degli uomini. Egli ritiene che questi ultimi siano predatori sessuali violenti per natura: «Il pelo è una traccia, un segno, un simbolo. Del nostro passato di uomini delle caverne, della nostra animalità, della nostra virilità. Della differenza tra i sessi. Ci ricorda che la virilità va di pari passo con la violenza, che l'uomo è un predatore sessuale, un conquistatore». [Le Premier sexe, pp. 32 e 33.]

Considera «l'ideologia gay» come uno dei principali strumenti impiegati per sollecitare l'uomo ad adottare comportamenti da donna. (Intervista di Éric Zemmour di Nicky Depasse su radio Nostalgie Belgique, 17 giugno 2007).

Basile de Koch è uno dei pochi uomini celebri per essere mariti di... La moglie è, infatti, Frigide Barjot, leader della Manif pour tous, il corteo degli strenui avversari del matrimonio gay.  Meravigliosa coppia, vero? Lei, mossa da un sacro furore contro le peccaminose nozze tra omosessuali, lui, paladino del diritto di immettere sul mercato i corpi altrui e di fruirne liberamente.

Insomma, pur di prendere le debite distanze da quelle appestate, lebbrose streghe di femministe abolizioniste, ci si allea allegramente con capitaliste miliardarie, antifemministe, maschilisti, omofobi, reazionari.

Complimenti vivissimi!

PS: Per quanto riguarda il diritto di autodeterminazione delle sex workers, ricordo che l'80% e più delle donne prostituite in Francia è di origine straniera ed è, nella stragrande maggioranza dei casi, assoggettato a reti di magnaccia e di trafficanti. La percentuale rimanente è composta da donne subordinate a dure condizioni di vulnerabilità economica, sociale e psicologica. Vogliamo occuparci di loro, anziché del 5% di prostitute autodeterminate?


Vedi anche:
Francia, forte movimento per abolire la prostituzione

2 Responses to “Maiali pro-prostituzione e «femministe» alquanto confuse”

  1. http://noviolenzasulledonne.blogspot.it/2013/11/maiali-pro-prostituzione-e-femministe.html

    Ribloggato

  2. Sempre per quanto riguarda la Francia, i "343 salauds", sono stati ribattezzati i "343 connards", è stato aperto un sito http://343connards.fr/ dove, cliccando sulle foto, si può mandar loro una "parola dolce": "aucune femme n'est ta pute, connard!", non credo che abbia bisogno di traduzione.

Leave a Reply

Powered by Blogger.
© 2010 Massimo Lizzi Suffusion theme by Sayontan Sinha. Converted by tmwwtw for LiteThemes.com.