Post più vecchio Post più recente

Padri che maltrattano i figli



di Maria Rossi


Lundy Bancroft consacra un capitolo del libro "Uomini che maltrattano le donne" al rapporto dei violenti con i figli. Vorrei esporne il contenuto in questo articolo.

L'abusante tende ad assumere nei confronti dei figli lo stesso atteggiamento che adotta nei confronti della partner: li concepisce come un'estensione di sé o della madre che, a sua volta, costituisce un oggetto di sua proprietà, esercita su di loro un controllo soffocante e si attribuisce il diritto di decidere della loro vita senza minimamente occuparsi del soddisfacimento dei loro bisogni materiali ed affettivi. Il suo egocentrismo produce, anzi, un'inversione di ruoli nella relazione con i figli: sono loro a doversi accollare la responsabilità di appagare i suoi desideri ed adeguarsi alle sue esigenze. I suoi continui mutamenti di umore li disorienta e li induce ad assumere un atteggiamento ambivalente nei suoi confronti.

Quel che è più grave è che vari studi hanno dimostrato che gli uomini che maltrattano le partner hanno una probabilità molto più elevata degli altri di esercitare violenza anche nei confronti dei figli e di commettere incesto. In particolare, un uomo che aggredisce fisicamente e percuote la compagna ha sette volte più probabilità di un altro di manifestare lo stesso comportamento nei confronti dei figli e il rischio aumenta con l'incremento della frequenza degli atti di violenza fisica verso la madre. Non meno grave è la crudeltà mentale che si manifesta nell'insultare, nell'umiliare i bambini o i ragazzi di fronte ad altri, nello sminuirli, nel denigrare i figli se non si conformano al modello della mascolinità dominante o nell'adottare nei confronti delle figlie un atteggiamento seduttivo decisamente inappropriato. Il maltrattante è inoltre incline a ferire i sentimenti dei bambini anche in altro modo, mostrando disinteresse per loro, non presenziando ad eventi importanti, oppure non mantenendo le promesse.

I bimbi e i ragazzi che assistono ai maltrattamenti subiti dalla madre presentano spesso disturbi dell'attenzione, mostrano difficoltà ad interagire con i coetanei o manifestano atteggiamenti aggressivi. Si tratta degli stessi sintomi evidenziati dai bambini abusati. Possono apprendere, inoltre, dal padre il disprezzo per la madre, concepita come un essere inferiore, immaturo, irrazionale, incompetente. I comportamenti e le affermazioni dei genitori esercitano un'influenza decisiva sull'acquisizione da parte dei figli di un particolare sistema di valori. I bambini che assistono alla violenza domestica apprendono che la colpa è di chi la subisce, non di chi la commette; imparano che è gratificante esercitare il potere e il controllo sugli altri e soddisfacente manipolarli; si convincono che i maschi devono dominare, le femmine sottomettersi. Assimilano quindi idee che concorrono a perpetuare il sistema patriarcale e a eternare la divisione dei ruoli tra i sessi, interiorizzando la concezione paterna delle donne come esseri deboli, incapaci e irrazionali e delle mamme come persone che devono accollarsi tutto il lavoro domestico e di cura, mentre ai papà è riservato il compito di assumere le decisioni importanti e il piacere di condividere i momenti felici e gradevoli della vita familiare. Introiettano inoltre la visione dell'amore come sentimento inestricabilmente congiunto alla violenza.

Il maltrattante riesce talvolta a incrinare il rapporto della madre con i figli e a plasmare e distorcere la percezione che essi hanno di lei, disconoscendone l'autorità e ostacolandone le decisioni educative, trattandola come serva votata ad appagare i bisogni della famiglia, creando lacerazioni all'interno del nucleo familiare in attuazione del principio divide et impera.

Dopo la separazione vi sono padri che si allontanano definitivamente dai figli, ritenendo che occuparsi di loro costituisca una gravosa forma di limitazione della libertà e, dunque, una responsabilità da affidare interamente all'ex coniuge. Mostrando di ritenere l'avere figli un processo reversibile, questi uomini non si preoccupano di concorrere al loro mantenimento. "Di fatto - scrive però Lundy Bancroft - nel lungo termine può rivelarsi anche meglio per i bambini che il padre sparisca dalle loro vite, piuttosto che dover convivere con le sue manipolazioni per anni".

A questa categoria di padri maltrattanti si contrappone quella di coloro che decidono di mantenere i contatti con i figli, ma solo per usarli come strumento per riavvicinarsi alla ex partner o per vendicarsi. Si ingegnano così ad alimentare i conflitti tra i figli e la madre, continuano a minarne l'autorità, commettono atti di violenza sui bambini per ferire psicologicamente le ex conviventi o ex consorti, minacciano di chiedere l'affidamento esclusivo, ma si disinteressano completamente dei figli e li affidano alle cure esclusive dei congiunti (madri, nuove partner). Gli obiettivi che i violenti intendono conseguire adottando questi comportamenti sono molteplici: vogliono dimostrare a se stessi e agli altri che le ex non sono in grado di vivere senza di loro e, quindi, si impegnano a renderne complicata l' esistenza e l'educazione dei figli; non dispongono più di strumenti atti a far del male alle ex partner e pertanto usano i bambini come armi adatte ad attaccarle.

Nelle cause per l'affidamento dei figli, i maltrattanti mentono con disinvoltura, si comportano con gentilezza, discostandosi dallo stereotipo dell'uomo violento, confidano e si avvalgono con notevole abilità dei miti e dei pregiudizi sulla violenza domestica, ancora ampiamente diffusi anche tra gli operatori del diritto. Molte sono le tattiche che impiegano per vincere queste cause. In primo luogo sfruttano il vantaggio economico che consente loro di investire maggiori risorse per sostenere le spese legali. Sono note a tutti le disparità economiche che sussistono tra uomini e donne, diseguaglianze accentuate dai maltrattanti che spesso hanno costretto le ex partner a rinunciare al lavoro. Se possibile, i violenti chiedono valutazioni psicologiche e perizie psichiatriche che diagnostichino alle ex partner qualche disturbo (ansia, depressione, ecc) che ne dimostri l'inidoneità ad ottenere l'affidamento dei figli. Pochi periti tengono in considerazione le esperienze di violenza subite dalle donna e le conseguenze che possono esserne derivate. Al contrario, l'atteggiamento cortese dei maltrattanti esercita spesso un'influenza positiva sugli operatori di giustizia.

I violenti recitano spesso il ruolo dei pacificatori, sollecitando le ex partner a superare il proprio risentimento e a rinunciare al conflitto in nome dell'interesse dei bambini. Questa rappresentazione scenica sfrutta il pregiudizio secondo il quale, dopo la conclusione di una relazione, le donne si dimostrano più vendicative degli uomini e li accusano falsamente di maltrattamenti per interrompere il loro rapporto con i figli. L'obiettivo che i violenti perseguono, adottando questa ed altre strategie, è quella di indurre assistenti sociali, psicologi e giudici a non prestare fede alle parole delle ex partner e a ignorare le prove che esse hanno prodotto a conferma della violenza subita.

E' importante rilevare, poi, che, in conformità alla legge del 2006 che non contempla il divieto di affido condiviso in caso di violenza domestica esercitata sulle donne, i giudici sono inclini a considerare irrilevante quest'ultima ai fini dell'affidamento dei bambini o della fissazione del diritto di visita. Ciò significa però trascurare il fatto che gli abusanti costituiscono modelli negativi per i figli e spesso impiegano questi ultimi come armi contro le madri.

Una strategia cui i maltrattanti ricorrono molto spesso per ottenere l'affidamento o un ampio diritto di visita dei figli che si rifiutano di avere contatti con loro o che hanno rivelato di aver subito o assistito alla violenza è quello di far loro diagnosticare l'inesistente sindrome d'alienazione parentale.

Io ho notato - scrive Lundy Bancroft - che spesso le accuse di «alienazione parentale» vengono sollevate contro le madri più competenti, proprio perché hanno un forte legame protettivo con i figli (che l'uomo maltrattante bolla come «iperprotettività» o «simbiosi») e perché i bambini hanno imparato a vedere, dietro la facciata, il padre violento e cercano di stare lontani da lui.

E ancora:

Il successo delle strategie adottate dai padri maltrattanti si basa in gran parte sull'ignoranza e talvolta sui pregiudizi di chi lavora nei tribunali. Spesso i pregiudizi prendono il posto dell'attenta valutazione di fatti e prove.


E' quindi necessario e urgente dotare gli operatori di giustizia di un'adeguata formazione in merito alle dinamiche e alle conseguenze della violenza domestica sulle donne e sui bambini.

3 Responses to “Padri che maltrattano i figli”

  1. Parole sante. Ed è un atteggiamento oserei dire endemico, ovverosia purtroppo la dinamica maltrattante che magari era sopita o comunque strisciante ma tollerata (sic) all'interno della famiglia, esplode con virulenza nella separazione. Ho raccolto diversi racconti di donne che apparentemente avevano visto il proprio ex "impazzire" a seguito della separazione. Come se in condizioni sentite come minacciose per il proprio potere alcuni si tuffassero apertamente nello streaming del maschio prevaricante, alcuni perchè in mancanza di categorie cognitive alternative altri aumentando il livello di prevaricazione che già agivano. Personalmente la cosa più straniante è stata assistere alla "trasformazione" di un amico.

  2. Grazie Maria! La mia esperienza personale (infantile) è in linea con il tuo articolo: mi è stato insegnato che "che la colpa è di chi la subisce, non di chi la commette; imparano che è gratificante esercitare il potere e il controllo sugli altri e soddisfacente manipolarli; si convincono che i maschi devono dominare, le femmine sottomettersi" con l'unica variazione che, essendo donna, ho un sacro terrore per la rabbia e la violenza (anche se ciò non significa che siano assenti dalla mia vita). A volte mi chiedo, con sconforto, perché anche da adulti/e il passato infantile possa condizionarmi/ci così tanto!

  3. Grazie a voi per le vostre testimonianze e per i vostri commenti che condivido integralmente. A Comunicazione dico che forse il primo passo da compiere per negare validità agli insegnamenti che sono stati impartiti a chi ha assistito alla violenza durante l'infanzia è quello di acquistarne consapevolezza, riconoscerli ancora operanti nella propria vita e riconsiderarli criticamente, per riuscire poi a superarli. Sono sicura che ci riuscirai. Un abbraccio forte.















Leave a Reply

Powered by Blogger.
© 2010 Massimo Lizzi Suffusion theme by Sayontan Sinha. Converted by tmwwtw for LiteThemes.com.