Post più vecchio Post più recente

La prostituzione è incompatibile con l'anarchia



(Traduzione di Maria Rossi)


Il concetto di "scelta" della donna di vendere sesso è un costrutto conforme alla dottrina neoliberista e del libero mercato; la stessa scuola di pensiero che sostiene che i lavoratori compiano realmente scelte ed esercitino il controllo sul proprio lavoro. Si sostiene che le donne scelgano di vendere sesso e che ci si dovrebbe concentrare su questioni come la sicurezza delle "sex workers", la capacità di procurarsi denaro e la persecuzione ad opera dello Stato. Mentre la sicurezza e i diritti delle donne sono di cruciale importanza, la questione della regolamentazione statale dei bordelli e della sindacalizzazione [della prostituzione] è, nella migliore delle ipotesi, riformista e, nella peggiore, ingenua e regressiva. Anche la proposta della creazione di "bordelli collettivi" ignora la natura di genere della prostituzione e la sua funzione di sostegno al dominio maschile.
La risposta anarchica dovrebbe essere quella di esigere l' estirpazione di tutte le pratiche di sfruttamento e non di affermare che esse possono essere esercitate in modo sicuro o migliore.


Concezioni anarchiche

Anarchia deriva da una parola greca che significa "libertà dalla dominazione". Essa si fonda sulla "dignità fondamentale degli esseri umani"; sull'aspirazione alla libertà individuale e sull'insofferenza al dominio (Woodcock). Essa non invoca il riformismo, ma un cambiamento sociale radicale e rivoluzionario. Le sue convinzioni fondamentali includono:
  • L' opposizione al dominio e a tutte le gerarchie, inclusa la gerarchia tra i sessi (Goldman).
  • Non è necessario alcun apparato statale ( Kropotkin).
  • La giustizia sociale fa parte della natura umana (Godwin).
  • Il cambiamento sociale si realizzerà attraverso l'azione collettiva (Bakunin).
  • Coloro che esercitano il potere lo abbandoneranno per il bene della collettività (Godwin).
  • Il mutuo aiuto e la reciprocità danno luogo ad uno scambio tra eguali (Proudhon).
  • Gli esseri umani possono essere individui sovrani che partecipano ad associazioni in seguito ad un atto spontaneo (non, ad esempio, in cambio di denaro) (Kropotkin)
  • L'emancipazione delle donne deve partire da loro."In primo luogo affermando se stessa come persona e non come merce sessuale. In secondo luogo, negando il diritto di chiunque altro sul suo corpo" (Goldman).

Domande relative alla concezione anarchica.

1. Domanda: Perché gli uomini reputano di aver diritto a comprare sesso?
Analisi: Il genere è fondato sul potere gerarchico e la prostituzione è una manifestazione di questa disuguaglianza di potere. La maggioranza schiacciante di acquirenti di sesso (sia dalle donne che dagli uomini) è costituita da uomini. Il diritto degli uomini ad acquistare sesso deriva dalla loro posizione gerarchica privilegiata e dalla posizione subordinata delle donne. Le donne, a causa della loro condizione socio-economica di maggior povertà, sono rappresentate in misura superiore al loro numero nell'industria del sesso.
Soluzioni: Gli uomini devono essere incoraggiati a rinunciare al loro potere gerarchico, non essere incentivati a mantenerlo.

2. Domanda: Perché gli uomini pagano per ottenere sesso?
Analisi: La prostituzione è una "transazione monetaria finalizzata ad ottenere sesso". Il sesso è liberamente disponibile anche nel vigente sistema capitalista! Un rapporto sessuale consensuale tra adulti può essere concordato senza bisogno di ricorrere ad uno scambio economico. Dunque l'atto di pagare per ottenere sesso ha un altro scopo: permette ad un uomo di imporre il proprio potere e controllo su ciò che ha acquistato. L'affermazione del potere e del controllo dell'uomo e il dominio sulla donna sono elementi della transazione. Non si tratta di sesso.
Soluzioni: Gli uomini che acquistano sesso dovrebbero essere contestati per abuso di potere e di controllo sulle donne.

3. Domanda: Sindacati e collettivi di "sex workers" costituiscono la risposta [alle questioni sollevate dalla prostituzione]?
Analisi: La maggioranza delle donne vende sesso per mancanza di alternative. Il 90% delle donne che praticano la prostituzione vorrebbe abbandonarla, ma non può, per mancanza di alternative (Farley 1998). Quando le persone sono sfruttate, le aiutiamo noi, non gli sfruttatori. I sindacati dei lavoratori sono necessari per la produzione di ciò che è indispensabile: il sesso non è una merce - è liberamente fruibile da chiunque. I sindacati o anche i collettivi di persone che vendono sesso agli uomini ignorano il problema che l'atto di acquistare sesso mal si concilia con la concezione anarchica. Normalizzando gli squilibri di potere e le diseguaglianze, non ne otteniamo la riduzione o la scomparsa, ma li rafforziamo.
Soluzioni: Le persone dovrebbero avere ragionevoli possibilità di scelta dello stile di vita. La maggioranza delle donne che esercitano la prostituzione non ha un'ampia possibilità di scelta. Gli uomini che acquistano sesso hanno la possibilità di scegliere. Gli anarchici dovrebbero contestare lo status quo delle gerarchie di potere tra i sessi mettendo in discussione il diritto degli uomini di acquistare sesso, anziché sostenere modalità di comportamento che agevolano l'esercizio del potere e del controllo sulle donne da parte degli uomini, e in tal modo alienano le donne.


Altre idee radicali

  • Se le donne hanno limitate possibilità di scelta, gli uomini non le aiutano pagando per ottenere sesso: le aiutano offrendo loro denaro [senza pretendere in cambio una prestazione sessuale].
  • Le persone che pensano che la prostituzione costituisca un servizio per gli uomini socialmente emarginati offrano sesso gratuito a questi uomini.
  • Le persone che pensano che la prostituzione sia identica a qualsiasi altro lavoro manuale, ma meglio pagato, dovrebbero provare a sostentarsi, esercitandola sulla Romford Road (la maggior parte delle donne non lavora come "escort ben pagata").
  • Ad ogni modo, le persone che trasformano in feticcio questo scambio tra sesso e denaro non sono anarchiche o radicali, ma promuovono l'alienazione di alcuni [individui] da parte di altri.

Un'ultima riflessione sul femminismo

Il femminismo ha radicato nelle coscienze il concetto che "il personale è politico". La necessità di un'analisi femminista che verifichi se le interazioni personali rinsaldino o, al contrario, contestino la gerarchia tra i sessi conduce a questa conclusione: l'atto di acquistare sesso da parte degli uomini rende complici della sottomissione della classe delle donne.   

Leave a Reply

Powered by Blogger.
© 2010 Massimo Lizzi Suffusion theme by Sayontan Sinha. Converted by tmwwtw for LiteThemes.com.