Post più vecchio Post più recente

Snoq e il Cda Rai

Io davvero invece fatico a comprendere la posizione di Snoq. Sicuramente è colpa mia ma trovo di difficilissima comprensione la logica che è stata seguita.
Viene chiesto a Snoq di proporre dei nomi e Snoq li fa. Ma così… tanto per dire, mica seriamente. Snoq si defila, e se ne fa vanto, perché, pare di capire, non intende esprimere nomine fiduciarie, avallando e perpetuando il sistema delle lottizzazioni.
E quindi, sostanzialmente, lascia che ciò avvenga.
E infatti così è avvenuto.
Insomma Snoq confidava nella capacità delle istituzioni di autoriformarsi. Praticamente una barzelletta.
Gli obiettivi erano due.
- Scardinare il sistema delle lottizzazioni (metodo). Ed era così importante da sacrificare la possibilità di proporre con serietà e determinazione i nomi delle donne giuste, con le competenze giuste per assicurare una televisione che rispetti l’immagine femminile, restituendoci quella dignità fino ad oggi calpestata e fornendo modelli nuovi alle giovani donne e ai giovani uomini che ci guardano. In proposito Snoq non ha fatto nulla ma ha lasciato carta bianca ai soliti noti.
Al limite Snoq se ne lava le mani. Si defila. Perdendo l’occasione per dimostrare come si fanno le nomine in modo corretto, puntanto sulla seria selezione dei cv. Snoq non ha ritenuto di spendere una parola sulla questione competenze e cv. Obiettivo non raggiunto, nella migliore delle ipotesi per mancanza di coraggio.
- Il 50% di presenza femminile. Obiettivo ancora una volta non raggiunto e solo per il fatto di esserci vagamente avvicinate, si ritiene di avere fatto un buon lavoro?
Ma state scherzando o dite seriamente? Strategia pasticciata, nella migliore delle ipotesi. Assoluta assenza di Snoq, proprio in un momento in cui si veniva perfino chiamate a contribuire. Secondo me, dovete delle spiegazioni e invece di rallegrarvi (di che?) dovreste fare un’analisi seria degli errori grossolani commessi. Lo dovete a tutte noi che abbiamo risposto alla vostra chiamata.
Ci avete danneggiate.
Evidentemente non sono tra le donne che vi hanno capite ma temo che siamo un discreto numero. E' necessario che vi sforziate di farvi capire meglio. E' necessaria maggiore chiarezza, per fare comprendere a tutte noi qual è questa grande partita che avete giocato, di che battaglia parlate e da dove intendete ripartire.
Questo mutamento della Rai, “vero, profondo e radicale” in che dovrebbe consistere e, soprattutto, visti gli esiti della grande battaglia, su che basi ve lo auspicate?

Leave a Reply

Powered by Blogger.
© 2010 Massimo Lizzi Suffusion theme by Sayontan Sinha. Converted by tmwwtw for LiteThemes.com.