Post più vecchio Post più recente

Santanché: «Minetti come Jotti»

Daniela Santanché ha paragonato Nicole Minette a Nilde Jotti, perchè la dirigente comunista è diventata presidente della camera, non vincendo un concorso, ma essendo l'amante di Palmiro Togliatti. Naturalmente questa provocazione insultante, per la sua volgarità, ha suscitato reazioni negative a destra e a sinistra, ma anche commenti favorevoli via web in calce agli articoli di giornali, all'insegna del "tutto il mondo è paese". Certe cose si possono dire perchè non tutti sono autorizzati a conoscere la storia e le biografie politiche. Si può supporre che qualcosa ignori la stessa Santanché. 

Nessun presidente della camera è divenuto tale per concorso, ma sempre perchè una maggioranza parlamentare, in genere qualificata (dei due terzi), lo ha eletto. L'elezione ad una carica istituzionale non è una assunzione al pubblico impiego. Nilde Jotti non era una olgettina, una igienista dentale o una persona estranea alla politica, entrata in politica grazie ad una relazione sessuale o sentimentale, come ricompensa. Era una partigiana, una dirigente del partito comunista, una deputata dell'assemblea costituente. E da deputata ha conosciuto il deputato Palmiro Togliatti. Il leader del Pci è morto nel 1964. Nilde Jotti è diventata presidente della camera nel 1979. Finchè Togliatti è stato in vita, lei non ha potuto avere il ruolo pubblico che meritava, perchè il PCI era un partito molto puritano, e Togliatti era già sposato con Rita Montagnana, importante dirigente del partito e della Resistenza, che nella testa di Daniela Santanché deve essere l'equivalente di Veronica Lario. 

Le volgarità di Daniela Santanché presuppongono la vecchia vulgata berlusconiana dell'Italia sempre governata dai comunisti. Non solo Togliatti non poteva determinare il presidente della camera quindici anni dopo la sua morte, ma non avrebbe potuto farlo neanche in vita. Egli nel tempo della guerra fredda era il capo di un partito soggetto ad una discriminazione politica, detta "conventio ad escludendum", che emarginava il partito dal governo e dalle più alte cariche istituzionali. Togliatti stesso potè parlare per la prima volta alla televisione pubblica nel 1962.

Una volta, Daniela Santanchè fece un'affermazione condivisibile, almeno negli auspici. (ANSA) - ROMA, 20 MAR - 'Quando metteremo la piu' cretina in un posto importante avremo raggiunto la piena pari opportunita'', afferma Daniela Santanche'. In realta' - afferma la candidata premier de La Destra in una trasmissione Tv - le donne in politica sono tutte donne del capo'. 'Io - prosegue - non parlo mai male delle donne, anzi quando le donne capiranno che devono fare squadra, allora avremo vinto'. Le note autobiografiche le riesco meglio dei cenni alle biografie altrui. Daniela Santanchè ha raggiunto posizioni importanti, ma la piena pari opportunità non è stata ancora raggiunta.


Riferimenti:
Nilde Jotti su Wikipedia

Leave a Reply

Powered by Blogger.
© 2010 Massimo Lizzi Suffusion theme by Sayontan Sinha. Converted by tmwwtw for LiteThemes.com.