Post più vecchio Post più recente

Piero Fassino e le «due fasi» del movimento no tav

Piero Fassino dice che «oggi il movimento è guidato e diretto da gruppi estremisti il cui unico obiettivo è l’esercizio della violenza. La «La storia del movimento ha avuto due fasi distinte a un momento iniziale dove la contestazione coinvolgeva gran parte della valle e della popolazione, è seguita una fase dove il “no” alla Tav è diventato un “no” pregiudiziale e irrazionale a qualsiasi grande opera, giudicata di per sé un danno e uno spreco». E che il cambiamento è scattato «Dopo l’entrata in campo di Virano» Cioè dopo Venaus 2005. Vediamo allora come veniva trattato il movimento nella prima fase:

Leave a Reply

Powered by Blogger.
© 2010 Massimo Lizzi Suffusion theme by Sayontan Sinha. Converted by tmwwtw for LiteThemes.com.